Amaro Fai da Te al Cioccolato: come si prepara?

 

Ricetta homemade per realizzare un Bitter al Cioccolato

Uno degli amari più classici e più facili da trovare in commercio è il Bitter al Cioccolato. 

Ma, se volessimo realizzarne uno, la ricetta da seguire qual è? Oggi ve la sveliamo noi!

Bisogna usare i frutti di una pianta chiamata Theobroma.. che nome strano, vero? Ma stiamo semplicemente parlato dell'albero del cacao!

Questo tipo di Bitter si sposa perfettamente con molti tipi di Cocktail e riesce a donare il giusto equilibrio con un tocco forte ma allo stesso tempo con sfumature dolci, grazie alla vaniglia che inseriremo al suo interno.

 

Ingrendienti per Bitter al cioccolato fai-da-te

Bitter homemade

Mezzo bastoncino di cannella;

2 fave di Tonka, o cumaru, tostati;

1/2 tazza di zucchero liquido

1 Tazza di chicchi di cacao;

2 cucchiai di foglie di noce nere;

4 baccelli di vaniglia, finemente sbucciati;

1 cucchiaio di radice di genziana;

6 baccelli di cardamomo, tritati grossolanamente;

1 e 1/2 cucchiaio di corteccia di ciliegio selvatico;

1 cucchiaio di chips di legno di cassia;

1/4 di tazza di 101 proof Bourbon

1 tazza di 101 proof Rye Whiskey.

 

Realizzazione Bitter al Cioccolato Fai-Da-Te

bitter homemade al cioccolato

 Per non creare confusione durante la preparazione del nostro Amaro, cerchiamo di

 fare ordine da subito: dobbiamo avere 3 barattoli vuoti in vetro con chiusura

 ermetica. 

 Nel primo vasetto, che per comodità chiameremo #1, andiamo ad inserire le fave

 di cacao assieme al Bourbon. Il distillato deve arrivare fino al termine dei semi e

 ricoprirli per bene. Lo agitiamo e, per il momento, lo lasciamo riposare.

 Nel secondo barattolino, #2, invece, inseriamo i baccelli di cardamomo, la

 cannella, i semi di Tonka, i semi di vaniglia ed altro Bourbon. Stesso procedimento,

 stessa agitata e stessa chiusura. 

 Nel terzo vasetto, #3, aggiungiamo la corteccia di ciliegio, le foglie di noce, la

 radice di genziana, i chips di cassia e il whiskey fino alla perfetta copertura degli

 ingredienti. Shakerata e chiusura. 

Adesso, i vasetti #1 e #2, hanno bisogno di riposare all'interno di una stanza buia e a temperatura ambiente per 15 giorni.  Doppiamo ricordarci, però, di agitarli una volta al giorno. 

Il vasetto #3, invece, al quinto giorno dovrà essere filtrato con l'aiuto di un imbuto a garza per andare a rimuovere tutti le sue componenti solide. Svolto il procedimento di filtraggio all'interno di un barattolo pulito, lo richiudiamo ermeticamente e lo lasciamo riposare per altri 10 giorni.

Passati 15 giorni totali, andiamo a filtrare tutti i barattoli all'interno di uno stesso vasetto pulito, assicurandoci che non restino parti solide al suo interno. Lo sigilliamo nuovamente e lo lasciamo riposare, per l'ultia volta, per 72 ore. 

Dopo 3 giorni, possiamo filtrare il contenuto all'interno di una boccetta per Bitter e, prima di chiuderla, aggiungiamo lo zucchero liquido.

Agitiamo per bene ed il nostro Bitter fai da te al cioccolato è pronto!

Volendo, possiamo lasciarlo in posa qualche altro giorno per avere un sapore più deciso. Ricordiamo, comunque, che gli amari homemade hanno una durata di all'incirca 365 giorni. 

COME RICONOSCERE I VARI SEMI DI CACAO

bitter homemade

In natura, esistono diversi piante che generano i semi di cacao. In base alla specie che andremo a scegliere, avremo sfumature diverse al palato. 

- Cacao Criollo, con semi bianchi e profumati. E' il più pregiato ed è ricco di aromi. E' tipico dell'America centrale;

- Cacao forastero, con semi violacei ed un sapore forte ed amaro. Tipico del Brasile, è il più utilizzato nel mondo; 

- Cacao trinitario, ibrido dei due semi sopra. Originario del Messico e poco utilizzato. 

Tutti i semi sono raccolti all'interno di un frutto a forma di cedro che tende al giallo-verde se ancora non maturo, e al marrone-rosso una volta raggiunta la giusta maturazione. Al suo interno possono esserci un totale di 25-40 semi e quest'ultimi sono immersi all'interno di una sostanza zuccherina con consistenza gelatinosa.

 
Pubblicato in: Tecniche Home Made

Lascia un commento

Accedi per pubblicare commenti

Blog navigation
In caricamento...